SCHNELLANFRAGE
RICHIEDI PREVENTIVO

Dichiarazioni fiscali

Siete alla ricerca di aiuto nella preparazione della vostra dichiarazione? La normativa italiana prevede l’invio periodico di varie dichiarazioni fiscali. Le dichiarazioni fiscali comprendono quelle relative alle imposte dirette, come le dichiarazioni dei redditi delle società di capitali, delle società di persone e delle persone fisiche, nonché quelle in materia di imposte indirette, tra cui la dichiarazione IVA. Le varie dichiarazioni sono predisposte in conformità alla normativa fiscale vigente e inviate telematicamente all’Agenzia delle entrate.

Di seguito una breve sintesi delle principali dichiarazioni fiscali:

Dichiarazione dei redditi imprese – „Modello Redditi“

Un bilancio annuale corretto e veritiero è la base per la preparazione delle dichiarazioni dei redditi (vedi anche Preparazione del bilancio annuale). La dichiarazione dei redditi per le società di capitali, le società di persone e le imprese individuali deve essere redatta annualmente. 

  • Società di capitali (società per azioni o società a responsabilità limitata):

    Le società di capitali sono soggette alla cosiddetta imposta sul reddito delle società (IRES). L’aliquota ordinaria è attualmente pari al 24% e viene applicata sull’utile fiscale. 

  • Società in nome collettivo o in accomandita semplice e imprese individuali:

    Gli utili delle società di persone e delle imprese individuali vengono attribuiti ai singoli soci proporzionalmente alla loro quota di partecipazione e sono assoggettati all’aliquota d’imposta sul reddito delle persone fisiche (23% – 43% – cosiddetta “tassazione per trasparenza”).

In linea di principio il calcolo dell’utile fiscale per le società di capitali, le società di persone e le imprese individuali si basa sull’utile civilistico ante imposte. Partendo dall’utile civilistico viene determinata la base imponibile mediante l’effettuazione di variazioni in aumento e in diminuzione.

La dichiarazione dei redditi viene inviata telematicamente all’Agenzia delle entrate. I termini di versamento delle imposte dovute scadono generalmente il 30 giugno e il 30 novembre di ogni anno.

Dichiarazione dell’imposta regionale sulle attività produttive – „Modello IRAP“

Oltre alla dichiarazione dei redditi, le società che esercitano un’attività autonomamente organizzata devono anche presentare la dichiarazione dell’imposta regionale sulle attività produttive. L’imposta sulle attività produttive IRAP ha lo scopo di tassare il valore della produzione realizzato dalle società, perciò la base imponibile differisce rispetto a quella calcolata ai fini della dichiarazione dei redditi (“Modello Redditi”). La forma giuridica dell’impresa e il sistema contabile adottato sono determinanti per la corretta quantificazione dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Si tratta di un’imposta proporzionale. L’IRAP è di competenza regionale e va a colpire il valore aggiunto generato dalle imprese. L’aliquota ordinaria è attualmente pari al 3,9%, ma questa può essere aumentata o ridotta dalle singole regioni. Nella Provincia Autonoma di Bolzano e nella Provincia Autonoma di Trento l’aliquota ordinaria è attualmente fissata al 2,68%.

La dichiarazione dell’imposta regionale sulle attività produttive deve essere redatta annualmente e inviata all’Agenzia delle Entrate per via telematica.

I termini di versamento delle imposte dovute scadono generalmente il 30 giugno e il 30 novembre di ogni anno.

Dichiarazione IVA annuale

La dichiarazione IVA annuale include tutte le operazioni commerciali rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto registrate dall’impresa nel corso dell’anno precedente. Nella dichiarazione annuale IVA l’imprenditore soggetto passivo determina l’ammontare dell’IVA a debito che viene riscossa nel corso della sua attività e dell’IVA detraibile. La somma algebrica di questi due importi dà luogo a un debito IVA o a un credito IVA. L’eventuale credito può essere riportato nell’esercizio successivo e poi compensato con altre imposte a debito oppure può essere chiesto a rimborso. Durante l’anno ogni imprenditore deve inoltre predisporre trimestralmente la comunicazione periodica IVA e inviare la stessa in forma telematica all’Agenzia delle entrate.

Il debito IVA viene versato mensilmente o, a determinate condizioni, trimestralmente. La dichiarazione IVA deve essere inviata all’Agenzia delle entrate entro il 30 aprile di ogni anno.

Indici di affidabilità – ISA

Dall’anno di imposta 2018 l’Agenzia delle entrate ha introdotto gli indicatori ISA. Gli ISA vengono espressi con una valutazione da 1 a 10. Con un punteggio basso, la probabilità di controllo da parte dell’Agenzia delle entrate aumenta, mentre con un punteggio alto, il contribuente ottiene alcuni benefici premiali. Il software elabora un indice di affidabilità generale, rappresentato da una media di alcuni indici specifici relativi alla gestione aziendale, che dipendono dall’attività o dal settore in cui l’impresa opera.

Gli indici di affidabilità sono una parte integrante della dichiarazione dei redditi e devono quindi essere compilati e inviati all’Agenzia delle entrate congiuntamente a quest’ultima.

Ai fini del corretto adempimento dei suddetti obblighi, calcoliamo la vostra base imponibile e prepariamo le dovute dichiarazioni fiscali. Inoltre, informiamo tempestivamente i nostri clienti dei debiti fiscali sorti e che dovranno essere versati entro la relativa scadenza. Se avete bisogno di supporto per la redazione delle vostre dichiarazioni, contattateci in qualsiasi momento.

Siete alla ricerca di aiuto nella preparazione delle vostre dichiarazioni? Siamo a vostra disposizione!

schnellanfrage
Richiedi preventivo